Tag

Settembre è un mese strano.
Triste forse, perché si torna dalle vacanze, segnando la fine della bella stagione, ma è anche un mese pieno di novità. Forse ancora più che Gennaio, settembre è il mese in cui si ricomincia. Sarà la scuola, sarà il lavoro. Io non potrò mai essergli abbastanza grata perché settembre è sempre carico di promesse: ricominciare significa avere una seconda occasione per riprendere al meglio, per fare di più, per correggere il tiro…

In questo mese magico ed un po’ arcano, c’è una fragranza che concilia molto il mio umore: Mandragore di Annick Goutal. Un profumo fresco che sa di bergamotto e menta, ma con un’ombra che parla di bosco, anzi di sottobosco. Amarostico e rinfrescante come la salvia e lo zenzero. Caldo e brusco come la radice di iris. Con un’idea di pozione magica grazie all’anice stellato, ed un retrogusto di incantesimo con un pizzico di, era ovvio, povere di mandragola.

Per chi proprio invece ama proprio grattare il fondo del calderone magico, c’è una versione più calda, più speziata, più dark: Mandragore Pourpre. Qui il patchouli introduce quelle note di terra scavata che gli sono tipiche, e con lui appaiono delicati incensi ed ambre. L’anice stellato è ancora presente, ma le note fresche sono avviluppate da eliotropo e geranio.

Insomma buon inizio a tutte ed a tutti, mamme, papà, studenti e studentesse, lavoratori e lavoratrici, ognuno con le sue sfide da affrontare, con la forza di una calda estate alle spalle ed un pizzico di magica mandragora ad ingraziarci il futuro.

Annunci