Tag

, ,

Ecco un bel libro, disponibile in inglese ed in francese, che nessun perfume lover dovrebbe farsi mancare. Curato dall’Osmoteca di Versailles, il Museo dei Profumi Perduti si propone d’essere ben più di un museo, un luogo dove tutte le grandi case dei profumi possono affidare le preziose e segrete ricette di fragranze non più in produzione, perché se ne conservi il ricordo, ed agli appassionati è offerta l’occasione di annusarne a pieni polmoni. Seminari e lezioni sensibilizzano il pubblico di esperti, meno esperti ed apprendisti nasi alla grande causa del profumo, inteso come arte e forma espressiva.

Il libro è stato scritto da Annick LeGuerer, esperta studiosa francese che ha scritto diversi libri sulla storia dei profumi, cura diverse mostre in giro per il mondo in cui il fil rouge è il filo … olfattivo.

Questa è una bella rassegna per immagini e biografie, delle grandi case che producono essenze (Robertet, DeLaire, Firmenich), delle grandi case profumiere (Guerlain, Chanel, Patou), dei nasi profumieri di cui solo negli ultimi anni si intende un po’ più parlare ed infine è un excursus di quelle fragranze più celebri che hanno fatto la storia del profumo.

Il bonus è la possibilità di annusare ben 12 fragranze , nello snodarsi della storia, grazie a foto speciali che contengono microdiffusori di odore; la fedeltà agli odori originali è impressionante. Il primo libro in 4D che mi sia capitato di leggere…

Annunci