Tag

, , , ,

L’arrivo dell’autunno, del freddo, della pioggia porta ad una ricerca di sé, di spazi intimi, da gustarsi un po’. Il pomeriggio di questa domenica ho acceso la mia candela, la sua fiamma delinea uno spazio intorno e la sua aura profumata lo consacra. È il mio spazio, quello che circonda la poltrona preferita ed una certa pila di libri. Da qualche giorno ho tirato fuori quella copertina morbida e cara che mi accompagna tanto bene nelle mie letture.

Guida ad un uso corretto delle candele

Le candele dell’Artisan sono versi di poesia raccolti in vasetti neri che racchiudono una storia. Sceglietene l’aroma giusto pensando a quando e dove la userete. Soggiorno? Salotto? Cucina? Camera da letto? E quando? Per accogliere amici per un caffè o merenda? Una cena? Per godervi la vostra poltrona in solitudine a leggere, guardare foto? Di che umore siete, avete voglia di viaggiare e di sognare, o piuttosto è un momento intimo in cui volete raccogliere i vostri pensieri?

Adoro scegliere l’aroma giusto della candela che mi accompagnerà per un momento preciso.

Consigli pratici

1) Non finite mai interamente una candela, comperate le nuove quando avete ancora le vecchie abbastanza piene. È bello poter scegliere tra le candele di casa quale accendere proprio come se fossi in negozio.

2) Prima di accendere la candela accertatevi di aver eliminato la parte nera dello stoppino, quella causa fumo e odore di bruciato. Vogliamo che la nostra candela profumi.

3) Accendere la candela per un minimo di 15-20 minuti. Tutto il giro di cera intorno allo stoppino deve essersi sciolto completamente fino ai bordi della candela ad evitare l’effetto “buco”.

4) Girate la candela di tanto in tanto, specie in presenza di correnti, in modo da favorire un consumo uniforme della candela

5) Spegnete e dopo, a raffreddamento completo, potrete riporre la cendela nella sua confezione.

Una candela dell’Artisan Parfumeur dura circa 60 ore e, credetemi, sono davvero tante!

Buona candela a tutti. 

Annunci