Tag

, , , , , , ,

C'era una volta

Quello di venerdì 8 febbraio 2013 è stato un pomeriggio di nervosa attesa, con una certa apprensione che la neve annunciata da giorni potesse impedirci di raggiungere il ristorante, pardon, il luogo dei luoghi mi correggerebbe Luca, scelto per la serata.

Ed invece, la neve rimanda gentilmente di 24 ore, ed alle 20,30 arriviamo da C’Era una Volta per festeggiare il secondo libro scritto da Luca Lancieri, che si chiama, per l’appunto, C’era una Volta.  Il camino acceso, gli arredi magici che stimolano i ricordi comuni, i taralli ed il vino, davvero non avrebbe potuto esserci un luogo più propizio per annunciare questa nuova avventura.

Dopo saluti, presentazioni, chiacchiere informali, la professoressa Lella Colicigno ed il giornalista Oreste Lopomo presentano “C’era una volta”, un libro in cui si ritrova quell’umanità pittoresca del primo romanzo, ma che pur trovando spunto in contesti e luoghi della provincia (da una festa di Vaglio ad una profumeria), ne fa dei luoghi simbolo che non sono più lucani, ma diventano La Provincia in generale in cui veder scorrere l’umana vita in tutte le sue gioie, dolori e contraddizioni.  Il grottesco, l’uso del linguaggio dialettale, delle parolacce, di incidenti violenti e controsensi dolorosi narrati a spron battente, diventano una sorta di elisir per fare i conti con la vita e l’inarrivabile sforzo di darle un senso.

Ringrazio Oreste LoPomo, mi emoziona sempre sentire parlare della profumeria come un riferimento storico della città. È un tributo a mia madre, al lavoro che ha fatto quando da giovane ha creato la sua adorata profumeria, lei così appassionata di bellezza in tutte le sue forme…

Luca ha voluto concludere  la serata leggendo un racconto del suo libro che si chiama proprio: la Profumeria Adriana. Ed ha spiegato che:

“il racconto è nato inaspettato, quando una volta un po’ sul serio e po’ per scherzo Roberta mi ha chiesto di scrivere la recensione di qualche profumo sul suo blog. Fin da quando avevo The Dude [il mitico Concept Store di piazza Matteotti] ho sempre amato 4 fragranze, di queste 2 sono firmate da Lorenzo Villoresi, Teinte de Neige ed Yerba Mate.

Così non ho avuto dubbi. Ho chiesto di sentire le novità di Villoresi e Roberta mi ha proposto di  annusare Iperborea. Il profumo mi ha stregato subito e quando sono tornato a casa anziché una recensione ne è nato un racconto.”

Lettura del racconto

 A fine lettura, Luca invita a provare da sé questa fragranza “Roberta, grazie alla collaborazione della Maison Villoresi, sarà lieta di omaggiarvene un campione e di invitarvi ad una degustazione olfattiva nei prossimi giorni in profumeria”.

È stato divertente vedere tutti impazienti di annusare Iperborea per provare questa sensazione di “mare, di fiori, di pesca, di bosco” che aveva tanto ammaliato il protagonista del racconto. Qualcuno ha preferito che ne vaporizzassi un po’ direttamente dal tester. Dalla sala si è levata una nube profumata, che descriveva al meglio il freddo pungente di fuori, gli arredi rustici, ed il camino all’interno, e quella incredibile sensazione di tepore, purezza, di stare lì accoccolati a guardare le fiamme del fuoco, ad ascoltare racconti ed aspettare la neve.

Poi, a dire tutta la verità, sono arrivati anche gli strascinati ed i peperoni cruschi 🙂

Grazie a Luca ed a Maria, generosi e premurosi, che ci hanno regalato una serata magica ed indimenticabile in uno dei locali più accoglienti della regione.

Grazie alla Maison Villoresi, certo per tutto il materiale che ci ha fornito per la serata. Ma soprattutto grazie per offrirci fragranze che ci stregano, ci emozionano, ci ricordano che la bellezza può esprimersi anche attraverso straordinarie creazioni olfattive.

*** Per tutto il mese di febbraio con l’acquisto di una fragranza Villoresi da 100ml saremo lieti di omaggiarvi una copia del volume “C’era una volta”.

C'era una volta la presentazione

C'era una volta la serata

C'era una volta Iperborea di Villoresi

C'era una volta un luogo di storie

Annunci